News AVV e dintorni
Province: nasce ad Antrodoco un Comitato pro-Abruzzo PDF Stampa E-mail
News - Locali
Scritto da Lara Consalvi   
Mercoledì 31 Ottobre 2012 15:59

comitato_Pro-Abruzzo

Sabato 27 Ottobre 2012 è stato istituito, ad Antrodoco, il Comitato pro – Abruzzo con lo scopo di promuovere un referendum per cittadini i quali, attraverso il voto, potranno dar voce alla loro opinione di voler passare o meno sotto la nuova futura Provincia, de L’Aquila, nella Regione Abruzzo e non di Viterbo. Un’ obiettivo, dunque, che sembra raggiungere già ottimi risultati considerando il grande numero di cittadini che ha partecipato alla riunione di Sabato, e che ha riconosciuto, nel  giovane antrodocano Giampietro Mattei, il loro principale rappresentante.

«Crediamo – sostiene Giampietro Mattei in un’intervista su “Il Giornale di Rieti” – che, dopo l’ormai dichiarata scomparsa della Provincia di Rieti, il cambio di Provincia non debba essere più una decisione imposta dall’alto ma al contrario una scelta consapevole dei cittadini. Riteniamo che sia giunto il momento di non delegare più scelte di così tale importanza ad organismi e personaggi che non rappresentano più la volontà del popolo. Pensiamo che se qualcuno deve scegliere quale sarà il futuro di Antrodoco quello deve essere solo ed esclusivamente il popolo antrodocano».

«Abbiamo letto in questi giorni – continua – il passo indietro del presidente Melilli, che prima si dimette da presidente dell’ormai defunta Provincia di Rieti e poi (sotto la pressione delle polemiche nate sul web e trasferitesi successivamente sui giornali) decide di fare retromarcia per poter gestire il “Funerale della Provincia”. Seppur apprezzabile il gesto, a nostro avviso giunge a tempo scaduto».

Per il Comitato «la provincia di Rieti si doveva salvare tempi addietro con scelte lungimiranti che puntavano sullo sviluppo del territorio montano, sulla creazione di posti di lavoro e sul miglioramento delle vie di comunicazioni. Il Comitato in queste ore è a lavoro affinché non solo ad Antrodoco ma anche in tutti i comuni dell’Alta Valle del Velino si giunga ad un referendum. Infatti, è proprio l’Alta Valle del Velino il territorio più martoriato dalle politiche provinciali degli ultimi 20 anni. Il passaggio sotto la Provincia di Viterbo lo riteniamo nefasto non solo per lo sviluppo dei nostri territori ma prima di tutto per la loro sopravvivenza».

Per quanti volessero contribuire alla realizzazione di questo progetto referendario che riguarderebbe anche i restanti comuni dell’Alta Valle del Velino, l’invito è a contattare Giampietro Mattei al numero 338 4363877 o all’indirizzo e-mail giampomat@alice.it